This is what Giacomo Leopardi had to say on the subject, in 1824:

...endless are the books published in every nation to let it know the things of another. Amongst them are as well endless published by foreigners and endlessly so upon Italy, it being made object of universal curiosity and of travels, much more now than it used to be in other times, and in a more general way and again more than any other particular country.
In the mentioned books, though, the writers incur, without guilt and due to the nature of the subject, in two predicaments, firstly that they often err, being it impossible to a foreigner to perfectly know another nation, particularly after a short permanence there, and secondly that by saying either the truth or lies, be it even minimally reeking of disfavour towards the nation they are describing, even if they say it without any anger (since speaking ill of the others is no longer a way to endear yourself to your nation, and as in this books hatred is highly despised, if it is found) they gain themselves the hatred of the nation they are describing. This second sin is worse than ever in the books that deal with the Italians, more delicate that anyone else while speaking of themselves; a thing, this, peculiarly strange, if one ponders the little amount of love for the nation that one can find among us, if there is any to be found at all: and certainly less than in other countries. The cause of this is mostly that the Italians, measuring the others with themselves as a benchamark (and they, walking as they do always behind the others, are not as of now so far from prejudice and hatred towards the foreigners, and surely they know and try to know them a hundredfold less than those outside of Italy do towards them) consider hatred and ill will every word less than pleasent that somebody abroad writes or says about them ...

...infiniti sono i volumi pubblicati in ciascuna nazione per informarla delle cose dell'altre. Fra' quali sono anche infiniti quelli pubblicati dagli stranieri e che si pubblicano tutto giorno sopra le cose d'Italia, fatta oggetto di curiosita' universale e di viaggi, molto piu' che ella non fu in altro tempo, e molto piu' generalmente, e piu' ancora che alcun altro paese particolare. Nei quali libri pero' gli scrittori incorrono senza loro colpa e per natura del soggetto in due inconvenienti, l'uno che spesso errano, essendo impossibile a uno straniero il conoscere perfettamente un'altra nazione, massime dopo non lunga dimora, l'altro che dicendo o il falso, o anche il vero, che sia alcun poco sfavorevole a quelli di cui parlano, benche' il dicano senz'animosita' veruna (non essendo piu' mezzo di farsi grato della propria nazione il dir male dell'altre,e odiandosi in tali libri l'animosita', sempre che si scuopre) si concitano l'odio della nazione di cui scrivono. Il quale secondo male e' piu' grave che mai ne' libri che trattano degli italiani, delicatissimi sopra tutti gli altri sul conto loro: cosa veramente stranna, considerando il poco o niuno amor nazionale che vive tra noi, e certo minore che non e' negli altri paesi. Cagione di cio' e' sicuramente in gran parte che gl'italiani misurando gli altri da se medesimi (i quali camminando sempre addietro degli altri, non sono ancora cosi' lontani da' pregiudizi e dall'animosita' verso gli stranieri, e certo li conoscono e studiano di conoscerli cento volte meno che essi non fanno verso loro) attribuiscono sempre ad odio e malevolenza e invidia ogni parola men che vantaggiosa che sia profferita o scritta da un estero in riguardo loro....
the translation is mine, the original is long out of copyright

Log in or registerto write something here or to contact authors.